Home Home  Forum Forum  News News  Link consigliati Link consigliati  Regolamento Regolamento  Contatti Contatti
Ultimo Urlo - non visibile
Gli urli sono visibili solo agli utenti autorizzati.
 
Il muco cervicale

IL MUCO CERVICALE

Il muco cervicale è una sostanza prodotta dalle ghiandole che si trovano nel canale cervicale e ha la funzione protettiva. Esso infatti è una sorte di tappo del canale cervicale che chiude il passaggio fra la vagina e l'utero, impedendo che i batteri o altri organismi estranei, entrino nella cavità uterina.

Per gran parte del ciclo, il muco è impenetrabile agli spermatozoi e solo in prossimità dell'ovulazione, si trasforma per favorire il loro passaggio verso l'utero, proteggendo e nutrendo i spermatozoi che riescono così a sopravivere fino a 3 giorni. Al di fuori del muco gli spermatozoi non possono sopravvivere

La quantità e qualità del muco cervicale, cambiano durante il ciclo, sotto l'influenza degli estrogeni e del progesterone. Nella fase preovulatoria infatti, quando gli estrogeni aumentano, viene prodotto un muco di tipo fertile, di consistenza gelatinosa, opaca e poi sempre più limpida e filante, fino ad arrivare ad assomigliare all'albume d'uovo.

Compare contemporaneamente, la sensazione di bagnato, seguita da bagnato/scivoloso (simile a quella che si ha in seguito a una visita ginecologica, in cui è stato usato il gel) fino alla sensazione di lubrificazione. Dopo l'ovulazione, sotto l'influsso del progesterone, il muco diminuisce e diventa di nuovo denso e cremoso, formando una barriera impenetrabile per gli spermatozoi. Nella fase luteale il muco può anche essere del tutto assente, come subito dopo le mestruazioni.

Il periodo più fertile del ciclo è quello del picco, cioè l'ultimo giorno in cui si avverte il muco (a prescindere dalla quantità) o la sensazione di bagnato/scivoloso, non sapendo però quando essattamente ci sarà il picco, bisogna cercare di avere rapporti a giorni alterni, dal giorno che si osserva la presenza di muco filante fino a quando scompare la sensazione di bagnato/scivoloso. In genere si tratta del giorno o dei due giorni prima dell'ovulazione, più raramente del giorno stesso dell'ovulazione.


Ricordate che non è la quantità di muco che conta, ma la qualità, quindi anche se dura pochi giorni o si vede solo in determinati milenti della giornata, se subisce le modificazioni classiche della fase ovulatoria va bene lo stesso.

Talvolta subito prima dell'arrivo delle mestruazioni si nota del muco leggermente più fluido. La presenza in questa fase di muco molto fluido, simile a quello ovulatorio, può essere segno di gravidanza

Se il muco è assente, può dipendere dal fatto che non si è imparato ancora a distinguerlo bene, si puo' trattare di di un problema ormonale o della cervice.

Spesso l'osservazione del muco è ostacolata dai residui di sperma che rimangono in vagina dopo un rapporto, ma con un po' di esperienza si impara a distinguere i due tipi di liquido (il liquido seminale non è filante).

Le principali variazioni di muco si possono notare semplicemente utilizzndo la carta igienica, per raccogliere le perdite vaginali esterne ed esaminarle.

 
 


MKPortal C1.2 rc1 ©2003-2008 mkportal.it
Pagina generata in 0.01971 secondi con 17 query